Edizione ROOT
Fuoco Poesie
  

I fuochi di adesso

I fuochi di adesso
Arriva marzo e arriva
la festa di San Giuseppe.
Qui da noi, la sera prima
c’è ancora la tradizione
di fare i falò.
Nei rioni più grandi
si raccolgono più fascine
e intorno al fuoco
c’è più gente e più movimento.
Appena diventa buio
si cominciano ad accendere i fuochi,
e si vedono salire in cielo
scintille e fiamme.
Piccoli e grandi mangiano e bevono
ogni ben di Dio! Adesso si prepara primo,
secondo, agnello, salsiccia e dolci
di ogni tipo, ma meno male
che questa usanza ancora c’è,
anche se è cambiata: ora si cantano canzoni
moderne, le musiche non sono quelle
di una volta, e i balli sono diversi,
ma si fa, e per qualche ora
si dimenticano le preoccupazioni,
e la vita è così che si deve prendere;
questa è una cosa bella
e non deve finire,
si deve fare ogni anno,
non si deve dimenticare.
Isa Salvia

Li fouhi d’ mò
Arriva marzu e arriva
la festa d’ San Giseppu.
Qui addò noi, la sera prima
gnè anguora l’usanza
d’ fa li fuohi.
A li v’sc’nanzi cchiù hgrossi
s’accuogl’n’ cchiù sc’procchi
e attornu lu fuohu
s’ fa cchiù ammuina.
Appena s’ fa scuru
li fuohi s’accumingian’ appiccià,
e s’ ved’n’ salì ‘ncielu
l’ cen’r’ e l’ vamb’.
Li cr’stiàni, pic’li e hranni magn’n’ e bev’n’
ogni be’ d’ Diu! Mò s’ pr’para primu,
secondu, agnellu, sav’cicchia e dolci
d’ogni manera, ma menu mal’
ca st’usanza anguora gnè,
puru si è cagnà: mo’ s’ cand’n’ canzoni
modern’, l’ music’ nun so’ quedd’
d’ ‘na vota, e li balli so’ d’ nata manera,
ma s’ fa, e p’ mbò d’ tembu
s’ sc’cordn’ li p’nzieri,
e la vita è accuscì ca s’adda piglià;
questa è ‘na cosa bella
e nun s’adda f’nì,
s’adda fa ogni annu,
nun s’adda scurdà.
Isa Salvia