I fuochi di adesso
Arriva marzo e arriva
la festa di San Giuseppe.
Qui da noi, la sera prima
c’è ancora la tradizione
di fare i falò.
Nei rioni più grandi
si raccolgono più fascine
e intorno al fuoco
c’è più gente e più movimento.
Appena diventa buio
si cominciano ad accendere i fuochi,
e si vedono salire in cielo
scintille e fiamme.
Piccoli e grandi mangiano e bevono
ogni ben di Dio! Adesso si prepara primo,
secondo, agnello, salsiccia e dolci
di ogni tipo, ma meno male
che questa usanza ancora c’è,
anche se è cambiata: ora si cantano canzoni
moderne, le musiche non sono quelle
di una volta, e i balli sono diversi,
ma si fa, e per qualche ora
si dimenticano le preoccupazioni,
e la vita è così che si deve prendere;
questa è una cosa bella
e non deve finire,
si deve fare ogni anno,
non si deve dimenticare.
Isa Salvia

Li fouhi d’ mò
Arriva marzu e arriva
la festa d’ San Giseppu.
Qui addò noi, la sera prima
gnè anguora l’usanza
d’ fa li fuohi.
A li v’sc’nanzi cchiù hgrossi
s’accuogl’n’ cchiù sc’procchi
e attornu lu fuohu
s’ fa cchiù ammuina.
Appena s’ fa scuru
li fuohi s’accumingian’ appiccià,
e s’ ved’n’ salì ‘ncielu
l’ cen’r’ e l’ vamb’.
Li cr’stiàni, pic’li e hranni magn’n’ e bev’n’
ogni be’ d’ Diu! Mò s’ pr’para primu,
secondu, agnellu, sav’cicchia e dolci
d’ogni manera, ma menu mal’
ca st’usanza anguora gnè,
puru si è cagnà: mo’ s’ cand’n’ canzoni
modern’, l’ music’ nun so’ quedd’
d’ ‘na vota, e li balli so’ d’ nata manera,
ma s’ fa, e p’ mbò d’ tembu
s’ sc’cordn’ li p’nzieri,
e la vita è accuscì ca s’adda piglià;
questa è ‘na cosa bella
e nun s’adda f’nì,
s’adda fa ogni annu,
nun s’adda scurdà.
Isa Salvia

I fuochi di una volta
I fuochi tanti anni fa
non si festeggiavano così come adesso.
I ragazzi più grandi
e i bambini più cresciuti
già da febbraio appena avevano finito di pranzare
si avviavano nelle campagne a vedere
se nelle vigne c’erano
i proprietari che potavano le viti
perché i sarmenti potati
si potevano raccogliere per fare i
fasci per il fuoco di san Giuseppe.
A marzo si vedevano questi gruppi
di ragazzini che si caricavano sulle spalle
questi fascetti di sterpi
e ognuno li portava al
suo vicinato e giorno dopo giorno
il mucchio aumentava.
Rami di ulivi, ginestre, fascetti,
salmenti, legna e legnetti
fino alla sera prima di San Giuseppe.
Pure le bambine giravano
per il vicinato chiedendo la legna per fare la castellana,
si portavano tutte in piazza
dove si accendeva il fuoco
e all’ora stabilita uscivano anche gli adulti
e cominciavano a incrociare
le legne grandi, quante più erano;
poi sopra si collocava la montagna
di sterpi e all’imbrunire
si accendeva il fuoco.
Che festa! Le donne portavano
le sedie, i tavolini sopra i quali c’era salsiccia,
peperoni, pane arrostito
e sacchi di patate che quando restava solo la brace
si arrostivano e si mangiavano con un po’ di sale.
I bambini saltavano e gridavano contenti,
gli adulti cantavano “Mariuzza la Pacchianella”
e poi polke e tarantelle.
Erano altri tempi
qualcuno preparava anche
le patate fritte con i peperoni all’aceto
e frittelle di guanciale: si mettevano nel pane
e si mangiavano accompagnate
dal vino che passava da uno all’altro nella fiaschetta.
Qualche vecchia ricorda
ancora la focaccia con farina di granoturco:
si metteva a cuocere
nel forno di campagna
quando rimaneva solo brace.
Questo era il fuoco di San Giuseppe!
Cose povere, perché la gente era povera,
ma che sapore, e che tempi…
sì, erano altri tempi.
Isa Salvia

Li fuohi d’ na vota
Li fuohi tand’anni fa
nu’ ier’n accuscì cum’ a mo’.
Li uaglioni cchiù hgranni
e li criaturi ‘mbo’ hgrann’scieddi,
già da febbraiu appena avi’en f’nù d’ magnà
gien p’ l’ fuor’ a v’dé
si ind’ l’ vign’ gnier’n’
li patroni ca putav’n l’ vid’,
p’cché l’ sal’mend’ tagliad’
si putien’ accuogl’ p’ fa li
mugghi p’ lu fuohu d’ San Giseppu.
A marzu s’ v’dien’ st’ rrocchie
d’ uaglioni cu ‘ngoddu
‘sti fasc’tieddi d’ sc’procchi
e ognunu li purtava a lu
v’sc’nanzu sovu e giorni giorni
lu mugghiu aum’n’dava.
Rrami d’uliv’, g’nestr’, fasciedd’,
sal’mend’, degn’ e d’gn’sciedd’
finu a la sera prima d’ San Giseppu.
Puru l’ criatur’ fascien’ lu giru
p’ l’ cas’ a cercà l’ degn’ p’ fa la cast’llana,
s’ purtav’n’ tutt’ a lu piazzal’
addò s’avia appiccià lu fuohu
e a l’orariu asci’en puru li banomi
e cumingiav’n’ a ‘ngruscià
l’ degn’ gross, quant chiù iern;
po’ sov s’ mndia la mundagna
d sc’procchi e appena scurù
s’appicciava lu fuohu.
Che festa! L’ femm’n’ cacciav’n
l’ segg’, tavulini ca sov’ gniera sav’cicchia,
puparuli, ppà arr’studu
e sacchi d’ patat’ ca quann’ po’ rrstava solu la brascia
s’arrustien e cu mbò d’ sal’ s’ magnav’n.
Li criaturi zumbav’n e alluccavan’ cundendi,
li granni candav’n’ “Mariuzza la Pacchianella”
e po’ polck e tarantell’.
Ier’n ati tembi
qualchedunu pr’parava puru
l’ patat’ fritt’ cu puparuli a l’acitu
e fritt’l’ d’ francalu: s’mndienn’ mmenzu lu ppà
e s’ magnava accumbagnadu
da lu vì ca passava cu la fiasc’ca.
Nata cosa ca qualche vecchia anguora s’arrhorda
è la fuaccia d’ farina d’ graddini:
s m’ndia a cuosc’
cu lu fornu d’ cambagna
quann rrumania solu brasc’…
Questu iera lu fuou d San Giseppu!
Cos’ povriedd’, pcché la ggend iera povriedda,
ma che sapor’, e che tembi…
ier’n ati tembi!
Isa Salvia